IVF

Chasing Dreams

Hog Island Sheep

Hog Island Sheep si distinguono per la loro robustezza, la capacità materna e la capacità di foraggio, un risultato della vita all’aperto per quasi 100 anni. Sono una razza che si trova principalmente lungo la costa orientale degli Stati Uniti, e in particolare le isole barriera al largo della Virginia. Molte pecore Hog Island sono di dimensioni ridotte e hanno lana grezza, pile leggero e la capacità di sopravvivere quasi interamente senza cure e riparo. Con una migliore allevamento e selezione, le pecore sono diventate di dimensioni maggiori. È stato osservato da alcuni proprietari che le pecore consumano meno acqua rispetto alle pecore di dimensioni simili. Questo è pensato per essere un adattamento alla mancanza di acqua dolce all’interno dell’ambiente Hog Island. Questi animali sono altamente adattabili, un po ‘ tolleranti al sale e fanno bene in condizioni di bagnato. Hog Island pecore sono un po ‘ più alto infilate rispetto alla maggior parte delle razze domestiche e molto vigile. In genere, queste pecore si tengono in stormi molto stretti.

Le gambe e il viso sono privi di lana. Pecore di entrambi i sessi possono essere cornuti o polled, che differiscono da gregge a gregge; quando presente, le corna sono un modello a spirale aperta. I maschi sembrano non essere completamente intervistati, ma piuttosto hanno scurs, che possono crescere a 1-2″ se non sono rotti. Le femmine sono veramente interrogate. Alla maturità, i maschi pesano 57-60 kg e le femmine 41-45 kg. I maschi misurano 66-71 cm di altezza al garrese e le femmine 61-71 cm. La razza è solitamente di lana bianca, ma fino al 20% delle pecore ha lana nera. I volti e le gambe possono essere tutti neri o screziati di bianco, marrone e nero.

Unica tra le varietà di pecore, l’isola di Hog è più adatta per la lavorazione come hogget (tra uno e due anni di età) rispetto all’agnello. Ha un sapore molto più pulito rispetto ai tradizionali agnello e montone, ed è dolce con un finale erboso a base di erbe. È gustoso anche in età avanzata, respingendo il forte sapore “muttony” delle pecore più anziane. La sua carne è anche adatta per la cottura lenta.

Secondo lo storico della costa orientale Bernard Herman, “Hog Island Sheep, il gregge rimanente di una popolazione molto più grande formalmente tenuto sulle isole barriera della Virginia da Assateague alla punta più meridionale della costa orientale della Virginia, corse libere fino alla fine del ventesimo secolo, quando gli ultimi animali furono rinchiusi e rimossi sulla terraferma. Quell’azione concluse un allevamento di pecore distintivo che era fiorito sulla riva orientale almeno dalla metà del 1600 e fu oggetto di curiosità dalla fine del 1800 in poi.”

Nel 1930 una serie di forti tempeste colpì la costa della Virginia, e nel 1945 i residenti avevano completamente abbandonato Hog Island lasciando dietro di sé un certo numero di pecore. Le pecore che rimasero sull’isola si svilupparono prosperarono e svilupparono il desiderio di navigare piuttosto che pascolare, simile alle capre. Nel 1974 la Nature Conservancy ha assunto la proprietà dell’isola e ha proceduto a rimuovere le pecore nei successivi 4 anni. A causa del loro posto importante nella storia coloniale, e l ” unicità come una razza, molte delle pecore rimanenti divennero parte dei musei di storia vivente in tutta la costa orientale tra cui, Colonial Williamsburg, Plymouth Plantation, luogo di nascita di Washington, e il Museo della cultura di frontiera americana. Altro che attraverso una piccola manciata di allevatori privati, l’uso delle pecore Hog Island come prodotto alimentare è stato perso.

Ci sono attualmente meno di 200 allevamenti noti nel mondo e sono classificati come ” critici “nella lista delle priorità di conservazione della conservazione del bestiame.”Ancora oggi, sono sottovalutati a causa della loro natura a crescita lenta. Come per molte razze storiche di bestiame, sono a rischio non solo perché sono rare, ma perché non hanno avuto accesso a un mercato adeguato per oltre ottant’anni. Poiché i numeri sono così bassi, i più grandi greggi esistenti sono stati tenuti principalmente per la conservazione della razza in siti storici come Mt. Vernon e Colonial Williamsburg. I pochi animali che sono stati disponibili per l’uso come prodotto a base di carne sono stati limitati a famiglie o piccoli raduni. Non è fino al 2015 che sono diventati disponibili al pubblico più ampio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.