IVF

Chasing Dreams

‘Hunger Games’ espone il mito del progresso tecnologico

Il mondo di domani di “The Hunger Games” non si limita a mostrare lo spettacolo televisivo dei reality di adolescenti che combattono fino alla morte, ma include anche futuristici hovercraft, campi di forza e creature “Mutt” bioingegnerizzate. Quelle meraviglie tecnologiche rappresentano strumenti di oppressione per la nazione distopica di Panem, dove l’élite capitolina vive nel lusso high-tech sostenuta dal sudore vecchio stile dei minatori di carbone del distretto, delle mani della fattoria e degli operai.

Ma la popolarità della serie “Hunger Games” non ha impedito ad alcuni fan di osservare gli squilibri tecnologici della storia. Alcuni si chiedono perché un Nord America post-apocalittico pieno di tecnologie futuristiche si baserebbe ancora sul carbone per i suoi bisogni di elettricità; altri si interrogano sulla completa assenza di Internet della storia. Un personaggio nei libri” The Hunger Games “si lamenta di tecnologie militari “dimenticate” come aerei ad alta quota, satelliti militari e droni robotici, anche mentre cavalca all’interno di un hovercraft.

Tali “lacune” nella tecnologia non rappresentano necessariamente buchi di trama, secondo gli storici della scienza e della tecnologia. Le società reali hanno adottato o rifiutato tecnologie in base al fatto che si adattassero alle loro particolari circostanze economiche, politiche o culturali.

“La tecnologia non è predeterminata come” migliore”-diventa migliore quando una società lo ritiene migliore o più avanzato”, ha detto Joline Zepcevski, ricercatore con un dottorato di ricerca in storia della scienza e della tecnologia presso l’Università del Minnesota. “Rispetto a” The Hunger Games”, non c’è motivo per cui una nuova società, che risorge dalle ceneri di una vecchia società, reinventerebbe necessariamente le stesse tecnologie.”

Katniss Everdeen, eroina di “The Hunger Games”, viene visualizzata su un grande schermo nel Campidoglio distopico. (Immagine di credito: Lionsgate)

La tecnologia è venuto e andato nel corso della storia, ha detto Marie Hicks, un assistente professore di storia della tecnologia presso l’Illinois Institute of Technology di Chicago. Le auto elettriche sono apparse negli Stati Uniti strade all’inizio del 20 ° secolo, ma scomparve per quasi un secolo prima di fare il loro recente ritorno. I jet civili supersonici hanno fatto il loro debutto con il Concorde nel 1976, ma sono finiti a terra nel 2003.

Anche i treni ad alta velocità decollati in Giappone, Cina ed Europa non sono riusciti a prendere piede negli Stati Uniti (i governanti capitolini di “The Hunger Games” hanno ancora un sistema ferroviario ad alta velocità).

Technologies of terror

Allora perché Panem in “The Hunger Games” presenta alcune tecnologie e non altre? I governanti Capitol possono essere concentrati su tecnologie utili per il controllo sociale, ha detto Eden Medina, assistente professore di informatica presso l’Indiana University. Ad esempio, le creature “Mutt” bioingegnerizzate diventano armi di terrore psicologico in the Hunger Games — un evento annuale che costringe ciascuno dei 12 distretti di Panem a fornire un tributo a ragazzi e ragazze per una battaglia gladiatoria televisiva.

Il Campidoglio mette anche televisori in ogni casa e grandi schermi nelle piazze pubbliche per trasmettere gli odiosi Hunger Games e altra propaganda di stato alle masse. Quell’atto riecheggia sia la storia distopica di George Orwell “1984” che le società totalitarie reali come la Corea del Nord (anche se la Corea del Nord si basa più sulla radio).

I residenti del Distretto 12 si schierano per la “mietitura” televisiva che selezionerà un ragazzo e una ragazza per rappresentare il distretto nei Hunger Games. (Immagine di credito: Lionsgate)

Al contrario, i governanti del Campidoglio limitano rigorosamente la comunicazione telefonica tra i distretti e non hanno nulla di simile a Internet. La loro scelta di evitare Internet sembra un gioco da ragazzi, perché la sua capacità di dare voce alle masse lo rende molto più difficile da controllare rispetto alla televisione.

“È difficile da dire perché è un mondo immaginario e dovremmo chiedere a Suzanne Collins (autrice di “The Hunger Games”), ma non è al di fuori del regno della possibilità che questa società prenda quelle decisioni”, ha detto Medina a InnovationNewsDaily. “Immagino che potrebbe essere più difficile mantenere segrete le notizie di una rivolta distrettuale se ci sono molte-a-molte comunicazioni su Internet.”

Alcuni sono più uguali di altri

Gli squilibri tecnologici all’interno di” The Hunger Games ” evidenziano anche l’enfasi della storia sulle disuguaglianze sociali e politiche. Il Campidoglio repressivo gode di cibo preparato all’istante, gadget domestici intelligenti e ossessionato dall’ultima Capitol couture, sottolinea Medina. Al contrario, la casa “Distretto 12” dell’eroina Katniss Everdeen situata nell’odierna Appalachia ha una popolazione povera e affamata che lavora nelle miniere di carbone e soffre di carenza di elettricità.

“Lo sviluppo tecnologico irregolare è un punto fermo della fantascienza perché implica una società, e un governo, che ha perso la sua strada o ha sbagliato le priorità”, ha detto Hicks, “E di conseguenza divide ingiustamente le risorse tecnologiche, o usa quelle risorse per controllare la popolazione in modi inappropriati.”

Katniss Everdeen prende una decisione fatale durante la ” mietitura “che sceglie una ragazza e un ragazzo da ciascuno dei 12 distretti per combattere fino alla morte in” The Hunger Games.”(Credito immagine: Lionsgate)

Disegnando un contrasto tra le meraviglie futuristiche del Campidoglio e il pericoloso e sporco lavoro delle miniere di carbone, “The Hunger Games” potrebbe spingere i lettori a percepire che “qualche elemento sottostante di questa società è in disordine”, ha detto Bernard Carlson, professore di scienza, tecnologia e società all’Università della Virginia.

“Se stai producendo energia per rendere confortevoli le case d’élite, e non pagano il prezzo ambientale o di sicurezza per questo, potresti anche usare il carbone anziché qualcos’altro”, ha detto Carlson.

Alla fine, “The Hunger Games” non celebra il progresso della tecnologia, un’idea che gli storici della scienza e della tecnologia considerano comunque eccessivamente semplicistica. Invece, i libri mostrano come le scelte tecnologiche di una società riflettono le sue motivazioni politiche e priorità sociali.

Tuttavia, anche gli storici che hanno raccolto “The Hunger Games” non giudicano la storia troppo seriamente in base alle sue scelte tecnologiche. Anche loro vogliono essere intrattenuti.

” Ero in esso per una buona lettura,” Medina ha detto.

Questa storia è stata fornita da InnovationNewsDaily, un sito gemello di LiveScience. È possibile seguire InnovationNewsDaily Anziano scrittore Jeremy Hsu su Twitter @ ScienceHsu. Segui InnovationNewsDaily su Twitter @ News_Innovation o su Facebook.

Notizie recenti

{{ Nome articolo }}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.