IVF

Chasing Dreams

IBS non funziona al lavoro

Cosa fare quando devi fare la cacca?

Le persone che soffrono di IBS spesso lottano con sintomi debilitanti che influenzano seriamente la loro capacità di lavorare e mantenere uno stile di vita produttivo. La cosa su IBS, è i sintomi non sono sexy, e spesso imbarazzante per l’individuo che ne soffre. Quindi potrebbero avere difficoltà a spiegare al loro capo e ai loro colleghi perché mancano così tanto lavoro, o perché quando sono al lavoro, sono distratti e non al loro meglio.

I malati di IBS prendono più tempo dal lavoro, trascorrono più giorni a letto e riducono le attività usuali in più giorni con i non-IBS. Questo sondaggio ha rilevato che quasi un quarto degli intervistati IBS lavora meno ore, l ‘ 11% manca completamente il lavoro e il 67% si sente meno produttivo quando è al lavoro a causa dei sintomi. Due terzi dei malati di IBS esistenti hanno dovuto ridurre il numero di normali attività che avevano precedentemente partecipato nell’ultimo periodo di 12 mesi per una media di 15 giorni. Abbiamo compilato una lista di sintomi per aiutarvi a capire che cosa qualcuno con IBS sta attraversando, mentre allo stesso tempo si occupano di quel boss micro-manging sempre il fiato sul collo! Se trovi di avere alcuni di questi sintomi, potrebbe essere una buona idea parlare con il medico delle possibili opzioni di trattamento, che tratteremo più avanti in questo articolo.

Sintomi IBS

L’IBS, purtroppo, non ottiene il riconoscimento e la consapevolezza che merita, soprattutto considerando il fatto che dal 7% al 21% della popolazione generale è affetto da questa malattia cronica.

Alcuni sintomi a cui prestare attenzione:

  • Dolore addominale (crampi): il dolore IBS può essere sentito ovunque in tutto l’addome. Ogni attacco di dolore può variare in lunghezza e gravità, e il dolore può aumentare e diminuire nel tempo. Il dolore di IBS è alleviato spesso dopo un movimento di viscere.
  • Stitichezza: i sintomi della stitichezza possono includere il passaggio di tre o meno feci in una settimana, il passaggio di feci dure e secche, il passaggio di piccole quantità di feci e frequenti sforzi durante un movimento intestinale.
  • Diarrea: I sintomi della diarrea possono includere il passaggio di feci tre o più volte al giorno, il passaggio di feci sciolte e acquose o la sensazione di un urgente bisogno di avere un movimento intestinale.
  • Motilità (movimento del contenuto attraverso l’intestino): Normalmente, onde di contrazioni muscolari intestinali coordinate (trasporto peristalsi digerito cibo attraverso l’intestino. Nelle persone con IBS, il ritmo e la coordinazione di queste contrazioni possono essere alterati. Questa funzione motoria alterata può causare l’intestino si muove troppo rapidamente (causando diarrea o troppo lentamente (causando costipazione e può portare a spasmo e dolore.
  • Sensibilità (come il cervello interpreta i segnali dai nervi intestinali): La rete di nervicircondando gli organi digestivi può diventare insolitamente sensibile. Per alcune persone con IBS, anche un piccolo cambiamento nell’attività intestinale può innescare i nervi per inviare messaggi al cervello causando dolore addominale.
  • Disfunzione cerebrale-intestinale: in IBS, ci possono essere problemi nel modo in cui il cervello riceve ed elabora le sensazionicome dall’intestino. Un malfunzionamento può verificarsi lungo i molti percorsi diversi che collegano il cervello e l’intestino, interferendo con la normale funzione dell’intestino.

  • Altri sintomi di IBS possono includere:
    • Gas
    • bruciore di Stomaco
    • Gonfiore
    • Nausea
    • Una sensazione di incompleto svuotamento delle viscere
    • muco Biancastro (un liquido fatto nell’intestino) all’interno o intorno alla sgabelli

Molti aspetti della vita di tutti i giorni possono scatenare o aggravare i sintomi di IBS. I trigger variano da persona a persona, ma i più comuni includono determinati alimenti, farmaci, stress emotivo e fluttuazioni ormonali. In particolare, alimenti come caffeina, alcol, bevande gassate, cibi grassi, alcuni frutti e verdure, così come lattosio, fruttosio e glutine (le proteine del grano possono causare problemi alle persone con IBS. Quindi praticamente tutte le cose che sono pratica comune per le persone con vita lavorativa occupata.

Sembra brutale. Come si fa a risolvere il problema?

Ci sono molti modi per trattare l’IBS, e ne copriamo molti qui, ma nonostante la nostra crescente comprensione della malattia, dobbiamo ancora sviluppare un’opzione di trattamento mirata che garantisca il successo. Il trattamento di IBS è di solito un po ‘ di processo, in cui il paziente deve lavorare con una combinazione di cambiamenti di stile di vita, piani dietetici specializzati, nonché farmaci da banco e prescritti fino a trovare una combinazione giusta per loro. Dopo tutto, il benessere è un viaggio personale e ognuno è diverso. Questo processo può essere emotivamente tassare e frustrante come i risultati spesso non sono immediati, e la conformità a lungo termine per una varietà di piani di trattamento è necessario per i risultati. Tuttavia, c’è speranza!

Nuova opzione di trattamento:

Recentemente, IBgard, ha superato con successo due studi clinici: Irritable Bowel Syndrome Reduction Evaluation and Safety Trial (IBSREST), nonché l’IBS Adherence and Compliance Trial (IBSACT). Quasi l ‘ 80% dei pazienti con IBS da moderata a grave che hanno partecipato ha mostrato un alto tasso di miglioramento dei sintomi.

IBgard è una capsula riempita con microsfere triple rivestite di l-mentolo (che è solo un modo fantasioso per dire menta piperita concentrata). La menta piperita è stata storicamente utilizzata per i disturbi digestivi, in quanto le sue proprietà lenitive aiutano a rilassare i muscoli, ridurre l’ipersensibilità e prendere un serio vantaggio dal dolore. IBgard è stato progettato in modo che aspetti fino a quando non è entrato nell’intestino tenue per dissolversi, evitando efficacemente il potenziale rischio di indigestione che a volte accompagna un elevato apporto di menta piperita.

Una volta nell’intestino tenue, questo piccolo combattente IBS si mette subito al lavoro! IBgard è stato sottoposto a questi rigorosi studi clinici ed è stato autorizzato per sicurezza ed efficacia. I risultati sono stati estremamente positivi nei gruppi di test, con il 61% dei pazienti che necessitano solo di 1-2 capsule per iniziare ad alleviare i sintomi dell’IBS, incluso il dolore addominale.

Nessuno ha tempo per questo!

La vita quotidiana può essere frenetica e stressante anche senza dover affrontare i sintomi debilitanti dell’IBS. Anche se IBgard non è una cura per questa condizione cronica, può eventualmente aiutare a gestire il dolore quotidiano si lotta attraverso e rendere più facile per voi di fare cose come andare a lavorare, e vivere la tua vita migliore nei vostri giorni liberi. Parlate con il vostro medico e vedere se l’olio di menta piperita è una valida opzione per voi, e tornare a fare solo voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.