IVF

Chasing Dreams

Spiegare le Porte Sante

Prima di tutto, voglio ringraziare tutti voi per l’enorme effusione di sostegno che abbiamo ricevuto in seguito alla morte di mia madre. È stato così toccante ricevere le tue condoglianze, gli impegni di preghiera e le cartoline di Massa. Io e la mia famiglia siamo così grati.

Per qualcuno di voi che potrebbe aver perso la colonna del mese scorso, mia madre è stata trovata morta congelata nel cortile della sua struttura di cura della memoria. Nelle settimane successive alla sua morte, gli amici hanno chiesto se ho lottato con il senso di colpa per quello che è successo. Dopo tutto, sono io che l’ho messa li’. Mi biasimo per la sua scomparsa? Sono ossessionato dai rimpianti? Sono distrutto dalla “colpa cattolica”?

La domanda mi ha fatto pensare al senso di colpa, “cattolico” e altro, e al nostro rapporto spesso disfunzionale con quell’emozione.

Prima di tutto, per rispondere alla domanda: sì e no. Quando è successo per la prima volta, ovviamente, il senso di colpa era una delle tante emozioni che turbinavano nella mia testa. L’ho messa li’. Poi voleva andarsene e io non l’ho spostata. Quindi sì, a livello viscerale, mi sentivo in colpa. Per alcune notti, presto, mi sdraiavo nel mio letto singhiozzando e ripetendo, più e più volte, ” Mi dispiace così tanto. Mi dispiace tanto. Mi dispiace tanto.”

Ma quella era un’emozione pura e irrazionale. Poi ho iniziato a pensarci. L’ho messa lì per essere trascurata e congelata a morte? Certo che no. Al contrario, è stato fatto specificamente in modo che ciò non accadesse. Sono stato negligente nella scelta della struttura? Di nuovo, no. Ho fatto ricerche in cima alla ricerca. Abbiamo pagato un extra per quello che sembrava essere la struttura “migliore”, in particolare in modo che lei avrebbe avuto la migliore cura. Ho trascurato qualche bandiera rossa? No, non ce n’erano. E sì, voleva andarsene. Ma le ho chiesto costantemente ” Perché vuoi andartene? Qualcuno ti sta maltrattando?”Ha sempre detto che no, non lo erano. Aveva la demenza, ma funzionava ancora abbastanza per saperlo. Quando e ‘successo qualcosa che non le e’ piaciuto, me l’ha fatto sapere. Ed è sempre tornato che aveva segnalato con precisione.

No, voleva andarsene perché voleva andare ” a casa.”Solo che non sapeva dove fosse casa.

Non avevo una sfera di cristallo per vedere cosa sarebbe successo. Ho pregato per avere una guida, ho fatto del mio meglio, e l’ho fatto per amore di lei. Non c’e ‘ motivo di sentirsi in colpa.

E così l’ho lasciato andare.

Penso che il senso di colpa abbia ricevuto un brutto colpo nelle ultime generazioni. Parlo in particolare del fenomeno della ” Colpa cattolica.”La gente si lamenta che la loro educazione cattolica li ha fatti sentire in colpa per qualsiasi cosa. Non ho mai sperimentato questo, e non ho mai capito. Per me, sembra semplice. Se non hai fatto nulla di sbagliato, non c’è motivo di sentirsi in colpa. E se avete, pentitevi e smettere di farlo. Problema risolto!

L’emozione del senso di colpa, lavorando come dovrebbe, è una buona cosa. Ci è stato dato da Dio per avvertirci che qualcosa nella nostra vita deve cambiare. Certo, le emozioni non sono infallibili, quindi dobbiamo seguire un processo per coinvolgere l’intelletto e “guidare” la nostra colpa.

Mi sono reso conto con il senno di poi che la mia esperienza ha seguito quel processo abbastanza perfettamente.

Quando incontriamo per la prima volta il senso di colpa, è pura emozione. Potrebbe essere corretto, potrebbe non esserlo. Nel mio caso, non lo era. Quindi, il primo passo è sempre quello di esaminare la nostra coscienza, per vedere se effettivamente dovremmo sentirci in colpa per la cosa che ci sta facendo sentire in colpa. Quindi preghiamo lo Spirito Santo per l’illuminazione e guardiamo la situazione. Ho fatto qualcosa di sbagliato? Era un peccato? Un errore di giudizio? A volte è chiaro. A volte non lo e’. Potremmo dover esaminare la Scrittura o l’insegnamento della Chiesa. Forse dobbiamo portarlo alla ripetizione della preghiera, per “risolverlo” con Dio.

L’obiettivo qui è quello di arrivare ad una certa certezza sul fatto che la nostra colpa si basi nella realtà. Se lo è-se siamo stati sbagliati o incuranti o peccatori a qualsiasi livello-la soluzione è semplicemente pentirci, confessare se necessario, e quindi decidere di fare meglio. E se non l’abbiamo fatto, liberiamo il senso di colpa.

Penso che ciò che accade nella cosiddetta colpa “cattolica” sia una sorta di cortocircuito del processo. La persona, per qualsiasi motivo, non vuole credere di aver fatto qualcosa di sbagliato. Quindi, invece di dare un’occhiata chiara alla situazione, si girano e corrono. Diventano paura della stessa sensazione di colpa. Evitano tutto ciò che gli ricorda. Si dicono che non hanno fatto nulla di male. Ma non prendono mai uno sguardo veramente buono e obiettivo. Non invitano mai Dio. E così, poiché l’emozione non è mai risolta, va “sottoterra.”È ancora attivo, ma continuano a cercare di sopprimerlo.

E questo non è salutare.

Ho imparato molto tempo fa che ” il modo migliore per uscire da un sentimento è attraverso di esso.”Il modo migliore per affrontare i sensi di colpa è affrontarli a testa alta, con il Dio che ci ama anche nel mezzo del peccato più profondo. Non c’è sicuramente nulla dall’altra parte di quella colpa che non abbia mai visto prima o perdonato prima. Ci ama follemente – tutto il tempo.

Non è il peccato che ti separerà dal suo amore — è il rifiuto di riconoscerlo, di andare da lui con esso. Egli è sempre in attesa con il suo amore e la sua misericordia.

Sono così grato a tutti coloro che erano preoccupati che potrei essere alle prese con un senso di colpa malsano. Non lo ero. Ma alcuni di voi, per qualsiasi motivo, possono esserlo.

Tutto quello che posso dirvi è che, con il Dio che vi ama, i sentimenti di colpa non sono nulla da temere.

Immagine in primo piano di K. Mitch Hodge su Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.