IVF

Chasing Dreams

Un nuovo studio mostra che gli antinfiammatori aiutano ad alleviare la depressione

  • Un nuovo studio ha rilevato che i farmaci antinfiammatori forniscono un sollievo “ragionevolmente sicuro” dalla depressione.
  • La meta-analisi ha scoperto che 26 studi su 30 hanno mostrato l’efficacia di FANS, omega-3 e altri aiutano a combattere i problemi di salute mentale.
  • Mentre un importante progresso nel trattamento della depressione, le cause alla radice dell’infiammazione, come la dieta e lo stress, dovrebbero essere affrontate per prime.

Nel suo nuovo libro, Il corpo: Una guida per gli occupanti, Bill Bryson scrive che durante le fasi iniziali della rivoluzione tecnologica nel diciannovesimo secolo, la medicina si stava muovendo all’indietro. Proprio come le civiltà industriose stavano spingendo i confini in macchinari, la comprensione del macchinario biologico devoluto. Scrive,

” Fino a ben nel diciannovesimo secolo la maggior parte dei medici si avvicinava alle malattie non come afflizioni distinte, ognuna delle quali richiedeva il proprio trattamento, ma come squilibri generalizzati che interessavano l’intero corpo.”

Gli umori erano ancora considerati reali; il salasso è rimasto comune anche se i tassi di mortalità sono saliti alle stelle. Non fino al ventesimo secolo ha fatto l’età di specializzazione prendere piede. Eppure in molti modi ci sembra di aver superato la correzione. Medici e ricercatori sono diventati così affascinati da alberi singolari che dimenticano completamente la natura interconnessa della foresta.

Poiché il microbioma intestinale è sempre più implicato in problemi di salute mentale, abbiamo dovuto rivalutare la nostra comprensione della salute mentale. Ora siamo ben consapevoli di come un sistema digestivo infiammato getta il tuo stato mentale ed emotivo fuori equilibrio. In quella luce, forse dovrebbe essere sorprendente che un nuovo studio, pubblicato nel Journal of Neurology, Neurochirurgia, e Psichiatria, ha trovato che i farmaci anti-infiammatori sta vedendo il successo nel trattamento della depressione maggiore.

Come l’infiammazione nel corpo potrebbe causare depressione

www.youtube.com

Come l’infiammazione nel corpo potrebbe causare depressione

L’infiammazione è la risposta del corpo a una vasta gamma di sostanze irritanti e stress. Quando ti tagli, la regione rossa intorno alla lacerazione è grazie alle citochine che si precipitano a difendere la regione, distruggendo i batteri prima che si diffondano. Eppure non è solo un taglio che invia citochine inondazioni in una regione. Le diete infiammatorie, come quelle ad alto contenuto di carboidrati e zuccheri, possono mantenere il corpo in uno stato costante di infiammazione—e l’infiammazione è stata collegata alla depressione, così come al funzionamento immunitario, al sonno, al controllo degli impulsi e all’umore generale.

In realtà, questo non è il primo studio che fa questa connessione. I ricercatori stavano esaminando la connessione tra antinfiammatori e depressione per almeno cinque anni.

Per questa meta-analisi, il gruppo di ricercatori cinesi ha esaminato 30 studi randomizzati controllati che includevano partecipanti 1,610. Di questi, 26 hanno suggerito che una varietà di agenti antinfiammatori, tra cui FANS, inibitori delle citochine, statine e acidi grassi omega-3, riducevano i sintomi depressivi meglio dei placebo. Scrivono,

” L’analisi complessiva di 30 RCT ha suggerito un significativo effetto antidepressivo di agenti antinfiammatori rispetto al placebo per i pazienti con MDD in vari risultati di efficacia. Una riduzione significativamente maggiore delle scale di valutazione depressiva è stata trovata nel gruppo di intervento, con moderata eterogeneità tra gli studi. Allo stesso modo, i tassi di risposta e remissione erano significativamente più alti per i pazienti che assumevano farmaci antinfiammatori con bassa eterogeneità.”

Foto di Roberto Machado Noa/LightRocket via Getty Images

Confezioni di Advil Liqui-Gel Farmaco sul ripiano, sono 200 mg di ibuprofene capsule, un farmaco anti-infiammatori non steroidei (FANS) per il sollievo emicrania, mal di testa, febbre, dolori muscolari e articolari.

Con un numero crescente di condizioni di salute mentale che affliggono gli esseri umani e con risultati poco brillanti dal corso comune di trattamento, gli SSRI—che, a lungo termine, hanno la tendenza a influenzare negativamente il microbioma-sono necessari nuovi cicli di trattamento. Il gruppo di ricercatori cinesi ha concluso che gli agenti antinfiammatori studiati sono ” ragionevolmente sicuri.”

Naturalmente, dobbiamo anche mettere in discussione il consiglio di assumere antinfiammatori in determinate situazioni, come un mezzo per contrastare una dieta ad alto contenuto infiammatorio. In questi casi, il miglior consiglio sarebbe quello di cercare la causa principale del problema, e sappiamo che ci sono collegamenti tra depressione e ansia e dieta. I farmaci non dovrebbero mai prendere il posto di migliori decisioni di stile di vita.

La dieta non è l’unica causa di infiammazione, sebbene sia diventata sempre più problematica. A seconda delle condizioni, gli agenti antinfiammatori potrebbero essere una linea di difesa relativamente sicura per entrambi i problemi di infiammazione e nel trattamento della depressione. Sono necessarie ulteriori ricerche, ma è un solido inizio.

Resta in contatto con Derek su Twitter e Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.